Blog

Giornata Nazionale degli Alberi 2017 a Vibo Valentia

Il 21 novembre si è celebrata la Giornata Nazionale degli Alberi, istituita come ricorrenza nazionale grazie ad una legge della Repubblica entrata in vigore dal febbraio 2013.
Un albero come amico, un albero per rinverdire un angolo di città, ma soprattutto un albero per rivendicare il diritto ad avere un mondo migliore.
Vuole essere questo lo spirito della “Festa dell’albero 2017”. Si celebra la Giornata degli Alberi per diffondere il rispetto per la natura e per la difesa degli alberi, indispensabili per il clima e la sicurezza alimentare, si celebra per ricordare quanto questi giganti verdi siano importanti per il benessere dell’uomo e del pianeta.
A tale scopo - in tutto il Paese - sono previsti eventi e manifestazioni, come passeggiate nel verde, laboratori creativi, tavole rotonde e incontri per conoscere meglio gli alberi. Non mancano, naturalmente, le piantumazioni di nuove piante, come quelle che abbiamo voluto realizzare nella nostra città, Vibo Valentia, regalando - grazie all'aiuto di sponsor come dell'azienda erboristica Algem Natura, del vivaio Eko Green e della vostra Fitogirl - ben tre alberi di Tiglio a tre scuole diverse del Vibonese: l’Istituto Comprensivo Murmura,  l’Istituto Comprensivo primo Circolo (Don Bosco) e l’Istituto Comprensivo Amerigo Vespucci (Vibo Marina).

Le scuole sono state coinvolte nella commemorazione di questa giornata dedicata alla natura con un programma che ha previsto  sia un momento divulgativo - negli ambienti dell’aula magna - che si proponeva come obbiettivo quello di portare all’evidenza l’importanza fondamentale degli alberi - non solo per il benessere della terra, ma anche dell’uomo - ed un momento celebrativo, che ha portato bambini e ragazzi all’aperto, per festeggiare la piantumazione del loro nuovo albero negli spazi verdi di pertinenza delle scuole. Simpatica la proposta dei bambini di dare un nome ai nuovi amici verdi, battezzati come "Murmy" per la Scuola Murmura ed "Amerigo" per la scuola Vespucci. Oltre a dare loro un nome, i bambini hanno preteso la responsabilità di "dare da bere" ai loro nuovi amici verdi, organizzandosi con le bottigliette dell'acqua ed istituendo dei turni.
Grande attenzione e partecipazione di tutti anche al momento didattico durante la mia relazione e quella di Saverio Mammoliti, l'agronomo dal cuore verde che ha voluto partecipare con il suo contributo personale alla piantumazione degli alberi.
Abbiamo parlato dell'importanza degli alberi per l'uomo e per il suo benessere, ma anche delle caratteristiche del Tiglio in botanica e delle sue proprietà per la salute. Anche il Comune di Vibo valentia ha voluto evidenziare il suo sostegno all'iniziativa grazie alla presenza, durante la mattinata di festa nelle scuole, di alcuni dei suoi rappresentanti quali l'Assessore alla Pubblica Istruzione e alla Cultura, il Dott.Raimondo Bellantoni, l'Assessore alle Politiche Giovanili la Dott.ssa Silvia Riga e la Consigliera comunale - Presidente della IV commissione -  Elisa Fatelli.

Perchè scegliere un Tiglio ?
Il tiglio comune, nome diffuso per Tilia vulgaris, è un albero molto bello, appartenente alla famiglia delle Tiliacee. Il suo nome deriva dal termine greco “ptilon” con il significato di ala, in riferimento alla sua brattea fogliacea che agevola la diffusione dei grappoli di frutto grazie al soffiare del vento.
Il tiglio è uno degli alberi sacri a molti popoli europei dei tempi antichi, in particolare ai popoli slavi. Le città tedesche avevano spesso nel loro punto centrale un piccolo gruppo di tigli come luogo d’incontro sotto la piacevole ombra. Era usanza frequente piantarli nei luoghi destinati agli incontri sociali e culturali, poiché si sapeva che la presenza del tiglio dona calma e benessere alle persone e favorisce la comprensione nelle relazioni. Le tradizioni più antiche parlano anche della sua capacità di rasserenare l’animo umano, di far ritrovare - quando ci si sente stanchi e stressati - la concentrazione e l’energia giusta per affrontare la giornata.
Si tratta di una albero capace di ispirare calma, sicurezza compassione, ma la scelta è stata dettata dal suo “carattere” un po' speciale, attribuito dal mito a questa pianta che racchiuderebbe lo spirito un Angelo Custode, capace di vegliare, in amorevole silenzio, sulle vicende umane che nel caso specifico sono quelle di bambini e ragazzi che si apprestano ad affrontare il loro percorso di crescita e istruzione.
Senza dimenticare infine le proprietà curative di questa pianta che è una grande risorsa per il benessere dell’uomo: fin dall’antichità il tiglio è stato utilizzato dagli erboristi, perché i suoi fiori hanno qualità sedative capaci di favorire calma e relax, mentre altre parti del tiglio sono un rimedio per i nervosi, gli insonni, gli intellettuali stanchi.

Ma torniamo ai nostri amici alberi, con qualche spunto di riflessione tratto dal dialogo fatto a scuola con i bambini ed i ragazzi.
Lo sapevi che...
  • Alberi e Smog : In Italia gli alberi piantati nei parchi urbani, nelle aree verdi delle città e nei giardini, oltre a migliorare l’estetica, aiutano lo scambio di ossigeno per esempio, perchè grazie alla sintesi clorofilliana assorbono l’anidride carbonica e la restituiscono sotto forma di ossigeno. Essenziali nel ciclo del carbonio, si nutrono dell’anidride carbonica, che viene convertita in ossigeno, come un meccanismo praticamente inverso al nostro. Ci aiutano a quindi a contrastare l’inquinamento, assorbendo ogni anno 12 milioni di tonnellate di CO2, quasi il 3 per cento delle emissioni totale. Ma la loro efficacia anti-inquinamento non si ferma qui. Contribuiscono a neutralizzare anche grandi percentuali di particolato (PM) un componente dei gas di scarico emessi dai veicoli, correlato all'insorgere di malattie respiratorie e polmonari anche gravi.
  • Alberi e acqua: ogni volta che abbattiamo un albero anche il ciclo dell’acqua ne risente. Infatti, la maggior parte dell’acqua che le piante assorbono dal terreno ritorna all’atmosfera sotto forma di vapore: tale processo si chiama traspirazione. Su 100 parti di acqua assorbite, ben 90 vengono rilasciate di nuovo nell’ambiente. Le foglie sono gli organi principali deputati a svolgere la traspirazione che avviene attraverso l’epidermide e gli stomi, le piccole ‘bocche’ che si aprono o si chiudono a seconda della necessità della pianta e da cui esce il vapor d’acqua ed entrano ed escono altri gas come l’ossigeno e l’anidride carbonica. Gli alberi quindi, liberano vapor d’acqua nell’aria  che si trasforma poi in pioggia, in laghi e fiumi.
  • Alberi e clima:  gli alberi agiscono sul clima regolandolo, aumentando l’umidità dell’ambiente, abbassando la temperatura in estate ed aumentandola in inverno, agendo anche da scudo contro molti agenti atmosferici come il vento, la pioggia, la neve e la luce solare. Tutti, per esempio, conosciamo la sensazione di refrigerio che si prova entrando in un bosco, soprattutto in una giornata estiva, calda e soleggiata. L’ambiente più fresco non è dovuto solo all’ombra delle chiome degli alberi, ma anche al maggiore grado di umidità dovuto alla traspirazione delle piante. Gli alberi sono quindi in grado di assorbire calore generando un effetto “raffreddamento” e in inverno filtrano e deviano il vento innalzando le temperature.
  • Alberi e terra: le radici che assorbono l’acqua, ma sono capaci anche di trattenere le sostanze nutritive della terra (organiche, minerali), creando una sorta di filtro umido all’interno del quale l’acqua viene trattenuta, depurata e arricchita di sostanze minerali il ché genera fertilità per il territorio forestale e per tutti i territori collegati a esso. Ed è proprio grazie alle radici degli alberi che limitiamo smottamenti e frane: grazie alle loro radici gli alberi si comportano da rete contenitiva ed impediscono all’acqua di erodere e trascinare via la terra. In assenza di radici si creando le condizioni ideali per fenomeni alluvionali devastanti. Inoltre si comportano da composto organico una volta che le piante muoiono lasciando al terreno una ricca eredità che serve a farlo rigenerare.
  • Alberi e città: gli alberi migliorano l'ambiente urbano, migliorano la qualità dell'aria e riducono l'inquinamento, ma riducono anche il rumore dovuto al traffico e ai mille suoni talvolta irritanti e troppo violenti dell'ambiente cittadino. Forniscono riparo ai nidi degli uccelli, preservanoli, e rallegrano l'ambiente cittadino facendolo sembrare più bello. Ma l'importanza degli alberi in città non è solo una questione di ambiente e di estetica. La ricerca internazionale ci sta facendo scoprire nuove sbalorditive capacità degli alberi e del verde in città. Sembrerebbe infatti che gli alberi siano indispensabili per la sicurezza dei cittadini: scoraggiano la microcriminalità, rapine e borseggi. Lo dimostrano studi elaborati in diverse aree urbane degli Stati Uniti (ad es.Chicago e Portland). Paragonando fra loro le zone urbane quasi prive di verde pubblico o  privato e zone in cui c’è un’elevata percentuale di spazi verdi, il numero complessivo di crimini è risultato superiore nelle prime di oltre il 50%. A Melbourne, in Australia, dove gli amministratori sono riusciti a piantare fino a tremila alberi l’anno, il tasso di omicidi è crollato al 3,1 ogni 100mila abitanti, contro una media mondiale del 6,2.
    Ma gli alberi ed il verde in città sono in grado di migliorare anche il tono dell’umore, al punto da combattere la depressione, lo stress e la solitudine: dove c’è verde il ricorso agli antidepressivi diminuisce del 20 per cento.  D’altra parte non esiste luogo di maggiori relazioni umane, per una comunità, di un parco pubblico o di un giardino. La natura funziona da “equalizzatore sociale” riuscendo a mettere in contatto fra loro gruppi di persone di differente estrazione socioeconomica e provenienza geografica. L’efficacia anti-stress e anti-depressiva del verde in città sarebbe legata a un principio scientifico di base: il fogliame degli alberi, infatti, rilascia sostanze volatili - i monoterpeni - in grado di influire positivamente sul nostro sistema immunitario.
I benefici del verde sono innegabili : per assicurare il benessere dell’uomo e della terra ci servono gli alberi. Tanti, tanti, tanti...alberi. E dovremmo piantarli davvero tutti -  privati e amministrazioni pubbliche - limitando gli sprechi... evitando di abbatterli per lasciare spazio a sterminati parcheggi o superfici edificabili. Se finora abbiamo voluto dare spazio al cemento della città...a discapito degli alberi e del verde...adesso dovremmo proprio aprire gli occhi ed il cuore,  facendo si che il verde e le piante tornino ad avvolgere il cemento, abbracciandolo!

Curiosità: La giornata di festa si è conclusa, nel pomeriggio alle ore 17, con la presentazione nella sala teatro della Scuola Elementare Don Bosco, del mio ultimo libro - edito da Tecniche Nuove Milano -  “Le erbe della salute sul balcone”.
Vuoi saperne di più?
Guarda il video e leggi l'articolo...clicca sul link che segue:
Giornata Nazionale degli Alberi: presentazione del mio ultimo libro

 

Qualche precisazione

I suggerimenti che troverete nelle diverse sezioni del sito non vogliono in alcun modo sostituirsi al parere di un medico o rappresentare la “panacea per tutti i mali”: il nostro obbiettivo è comunicare - semplicemente - che esiste una via naturale da percorrere e che nella natura possiamo trovare grandi risorse per il nostro benessere quotidiano.

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Cosa sono i Cookie
I cookie sono dei file di testo che i siti inviano ai terminali degli utenti, dove vengono memorizzati per poi essere reinviati agli stessi siti in occasione delle visite successive.

Gestione dei Cookie
Ai visitatori del blog potranno essere inviati, da parte dei nostri sistemi informatici, i cosiddetti cookies.
Ogni utente potrà gestire, modificare o cancellare i cookie usati per la navigazione, modificando le impostazioni del proprio browser.

Cookie Tecnici
I cookie tecnici sono quelli che permettono l’autenticazione e aiutano a monitorare le sessioni e memorizzare le specifiche informazioni trasmesse degli utenti nella visualizzazione di una pagina web.
Vengono utilizzati diversi cookie tecnici come quelli di sessione, utilizzati esclusivamente durante la navigazione, e i cookie persistenti (o di memorizzazione), che vengono salvati nel browser fino alla loro scadenza previa cancellazione da parte dell’utente.
Sul nostro blog si utilizzano diversi cookie tecnici come quelli di sessione, quelli persistenti usati per memorizzare le scelte fatte dai singoli visitatori e i cookie analytics usati per monitorare gli utenti durante la loro navigazione nel nostro sito web.

Cookie di terze parti
I cookie di terze parti sono quei cookie ospitati sul blog ma provenienti da altri siti web come ad esempio i cookie analitici e di profilazione come Google e Facebook.
Questi cookie vengono impostati direttamente dai proprietari, pertanto si elencano di seguito le rispettive policy:

– Google https://www.google.com/intl/it/policies/privacy/
– Facebook https://www.facebook.com/privacy/explanation

© 2016 Fitogirl. All Rights Reserved.