Blog

Il gambo di questa pianta ha rappresentato un vero e proprio “passatempo” per i ragazzi di intere generazioni: strizzato tra i denti fornisce infatti un succo amarognolo, asprigno e dolce al tempo stesso, capace di allontanare immediatamente l’arsura anche durante le escursioni più faticose. Io stessa, l'ho "presentata" ai miei figli, ignari mebri di questa era digitale, facendogliene rosicchiare uno stelo, esattamente come mio padre aveva fatto con me a suo tempo, durante le nostre passeggiate in campagna.

Usata dalle nostre nonne quando ancora non esistevano i cosmetici elaborati  cui è abituata la donna moderna, l’acqua di rose rimane tutt’oggi un gesto di bellezza semplice ed efficace.
In India e nei paesi arabi viene da sempre utilizzata come rimedio per ringiovanire la pelle, ma le origini di questo preparato dall’aroma sensuale affondano le radici nella notte dei tempi…

Iniziamo precisando una cosa: l’ananas non è proprio un frutto, è un’infruttescenza: da ognuna delle sue infiorescenze composte da fiori blu a tre petali, inseriti nel fusto con brattee rosa (molto belle) matura un frutto carnoso - piccolo - che maturando si accresce e si riunisce agli altri formando poi il tipico ananas che conosciamo, sormontato dal tipico ciuffo di foglie verde scuro, segnato all’esterno da placche poligonali unite tra loro definite “occhi”.

La notte di Capodanno è senza alcun dubbio una delle più magiche dell’intero anno: rappresenta infatti la festa delle speranza…dei sogni per un futuro migliore…che ci possa portare a realizzare i nostri obbiettivi, rendendoci felici e pienamente realizzati.
Con precisione inarrestabile, allo scoccare della mezzanotte, un ciclo si conclude ed uno nuovo ha inizio. “Anno nuovo, vita nuova” cita l’antico motto, rispecchiando la speranza - da sempre insita nell’uomo - di accaparrarsi la buona sorte per il nuovo anno ricorrendo a rituali o consuetudini:  anche i più scettici si dedicano quindi a riti più o meno semplici per conquistare i favori ed il sorriso del nuovo anno, dalle tradizionalissime lenticchie al capo di biancheria in colore rosso smagliante, per non parlare dei mille baci schioccati sotto il vischio.

Nella notte di Capodanno, tutti si baciano sotto il vischio… ma pochi conoscono in realtà il significato di questo gesto e soprattutto si tende a trascurare le proprietà curative di questa pianta che – con studi mirati e sperimentazioni – potrebbe rivelarsi un vero tesoro per l’umanità. Scopriamone insieme i segreti!

Presente su tutte le tavole degli italiani - e non solo - durante le feste, l’ananas è in seconda posizione - dopo la banana - tra i frutti più consumati nel mondo.
Visto che probabilmente molti di voi si preparano a pulirlo, cucinarlo e gustarlo per la cena di questa sera, voglio svelarvi tre curiosità su questo delizioso amico della nostra salute...

Croccante e piacevolmente profumato, il finocchio è forse uno degli ortaggi più presenti sulle tavole dell’area del Mediterraneo. In Italia si coltiva più o meno ovunque, soprattutto al Centro-Sud, dove viene utilizzato tradizionalmente a fine pasto, per favorire la digestione. Si tratta di una pianta appartenente alla famiglia delle Ombrellifere che si presenta in due varietà, il finocchio dolce - del quale consumiamo la parte sotterranea come ortaggio - e quello amaro o selvatico, del quale vengono utilizzati i frutti, noti comunemente come semi di finocchio, per le numerose proprietà curative.

C’è chi ne è affascinato e chi proprio non vuol proprio sentirne parlare…si tratta di Halloween, che innegabilmente è diventata in molti paesi la seconda festa in ordine di importanza per indotto economico e impatto culturale.

Origini tutte italiane per la festa più amata dagli americani
Per quanto possa sorprendere, Halloween è stata inventata dagli antichi Romani che ne fecero la “festa dei morti”  ispirandosi al Samhain celtico, festa che ricorreva il 31 ottobre e separava - quasi come un vero e proprio Capodanno - l’estate dall’inverno. Grazie a Papa Bonifacio IV la ricorrenza venne poi cristianizzata nel VII secolo e legata indissolubilmente al giorno di tutti i Santi o “Ognissanti”. Solo a metà dell’Ottocento prese piede negli USA, giungendovi insieme agli immigrati irlandesi che vi importarono le loro tradizioni, trasformandola però in una festa laica che attualmente negli Stati Uniti è legata ad un giro d’affari che supera i 7 miliardi di dollari.

Cerca

Qualche precisazione

I suggerimenti che troverete nelle diverse sezioni del sito non vogliono in alcun modo sostituirsi al parere di un medico o rappresentare la “panacea per tutti i mali”: il nostro obbiettivo è comunicare - semplicemente - che esiste una via naturale da percorrere e che nella natura possiamo trovare grandi risorse per il nostro benessere quotidiano.

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Cosa sono i Cookie
I cookie sono dei file di testo che i siti inviano ai terminali degli utenti, dove vengono memorizzati per poi essere reinviati agli stessi siti in occasione delle visite successive.

Gestione dei Cookie
Ai visitatori del blog potranno essere inviati, da parte dei nostri sistemi informatici, i cosiddetti cookies.
Ogni utente potrà gestire, modificare o cancellare i cookie usati per la navigazione, modificando le impostazioni del proprio browser.

Cookie Tecnici
I cookie tecnici sono quelli che permettono l’autenticazione e aiutano a monitorare le sessioni e memorizzare le specifiche informazioni trasmesse degli utenti nella visualizzazione di una pagina web.
Vengono utilizzati diversi cookie tecnici come quelli di sessione, utilizzati esclusivamente durante la navigazione, e i cookie persistenti (o di memorizzazione), che vengono salvati nel browser fino alla loro scadenza previa cancellazione da parte dell’utente.
Sul nostro blog si utilizzano diversi cookie tecnici come quelli di sessione, quelli persistenti usati per memorizzare le scelte fatte dai singoli visitatori e i cookie analytics usati per monitorare gli utenti durante la loro navigazione nel nostro sito web.

Cookie di terze parti
I cookie di terze parti sono quei cookie ospitati sul blog ma provenienti da altri siti web come ad esempio i cookie analitici e di profilazione come Google e Facebook.
Questi cookie vengono impostati direttamente dai proprietari, pertanto si elencano di seguito le rispettive policy:

– Google https://www.google.com/intl/it/policies/privacy/
– Facebook https://www.facebook.com/privacy/explanation

© 2016 Fitogirl. All Rights Reserved.